Gastronomia materana

Il cibo è sicuramente una delle attrattive principali per un viaggio a Matera o nel Sud Italia in generale. La Basilicata è una regione in cui il cibo è genuino, dove i pomodori secchi sono realmente seccati al sole e lo Slow Food è davvero il piacere di vivere il pasto. I piatti sono preparati unicamente con gli ingredienti locali più freschi, seguendo antiche ricette. La tradizione contadina di Matera e delle regioni limitrofe, come Puglia, Campania, Calabria ed Abruzzo, ha permesso di creare ricette nelle quali spesso si usano ingredienti difficilmente reperibili altrove. I piatti locali più utilizzati nei ristoranti lucani, sono zuppe di legumi, come le Cicerchie (un ibrido tra le fave e i ceci); cicorie servite su purea di fave o i famosi Peperoni Cruschi di Senise, peperoni rossi essiccati, fritti e salati e usati come condimento per diversi piatti. Da provare le Olive Maiatiche di Ferrandina (nella provincia di Matera) che sono mangiate senza concia o piuttosto fritte e salate o i famosi Fagioli di Sarconi, funghi selvatici o una varietà tipica di Tartufo, molto meno costosa di quella proveniente dal Piemonte e dal Nord Italia. Nei tanti ristoranti nella regione è facile trovare una Pignata, carne di montone che viene cucinata in un recipiente di terracotta piuttosto alto ricoperto e chiuso da uno strato di pane secco a formare una specie di pentola a pressione. La carne viene lasciata a bollire lentamente per diverse ore in un forno a legna. Si può anche trovare della salsiccia di maiale in diversi menù. La tipica Salsiccia Lucana viene fatta stagionare con i semi di finocchio e spesso un tocco di peperoncino che si trova in diverse forme e misure e che fornisce una punta piccante e speziata a quasi ogni cosa. Al ristorante tutti i pasti sono accompagnati dal Pane di Matera, impastato con farina di grano duro e cotto in forno a legna secondo la tradizione. Ha una crosta molto dura ed è di color giallino all’interno ed è noto perchè si uò conservare per lungo tempo e anche indurito è ottimo per la preparazione di diverse pieanze, tra cui la Cialledda, il piatto tipico dei contadini materani, in tutte le sue varianti, realizzato appunto a base di pane. Ma… occhio, che crea dipendenza!