Il Carnevale tradizionale Lucano

28 febbraio 2017
Categoria: Eventi & Concorsi

Il suono cupo dei campanacci, maschere dalle forme singolari e rievocazioni della transumanza contraddistinguono i carnevali antropologici e antropomorfi della tradizione lucana.

Colori, suoni e danze pervadono i borghi lucani trasformandoli in teatri di goliardia e divertimento, riproponendo miti delle origini e di antiche leggende con protagonisti il mondo naturale e quello animale.

Così, dalle prime luci del giorno fino a tarda sera, antichi riti si ripetono in ben dieci comuni tra le province di Potenza e Matera, in occasione de “La Sagra del Campanaccio” di San Mauro Forte con, “L’màsh-k-r” di Tricarico, “Il Carnevale di Satriano di Lucania”, “Le Maschere Cornute” di Aliano, “Le quattro stagioni e i dodici mesi dell’anno” di Cirigliano, “L’Orso e il Carnevale” di Teana, “Il Carnevalone tradizionale” e “Il Carnevale Montese” di Montescaglioso, “Il Domino” di Lavello, “Il Carnevale di Paglia” di Viggianello e “Il Pagliaccio e i carri allegorici” di Stigliano.

Testo tratto da www.basilicataturistica.it
Foto Antonio Sansone


Bookmark and Share

Nessun commento per questo articolo

Lascia il tuo commento

Nuovo commento


Immagine CAPTCHA per prevenire lo SPAM  

Se non riesci a leggere la parola, clicca qui.