Vino e sapori nella terra del vulcano / 4 giorni 3 notti

Primo giorno: BARI / ALTAMURA / MATERA
Accoglienza del gruppo presso l’aeroporto di Bari e trasferimento a Matera (km 60). Sosta intermedia ad Altamura, la Leonessa di Puglia, con il suo centro storico con la forma perfettamente circolare. Nota soprattutto per i claustri, specchio della commistione di più culture che caratterizzano la città. Visita alla cattedrale ‘unicum architettonico’ che risale al 1232 e fu commissionata da Federico II di Svevia. Sosta pranzo nel centro storico di Altamura.
Spostamento a Matera, (km 15), la città dei Sassi  e check-in in hotel. Proseguimento della visita con la Cripta del Peccato originale che sorge nei pressi nei vigneti dell'azienda Dragone, nata nel 1920 con la storica cantina di Via S. Biagio, fulcro in quel tempo, del mondo agricolo Materano. Al 1955 si data la prima etichetta della famiglia Dragone. Nel corso degli anni la produzione dei vini si è spostata nella Tenuta di Pietrapenta, distante circa 12 Km. dalla città. Oggi l’azienda Dragone produce circa 10.000 hl. di vino, tutti da vigneti di proprietà della stessa, di varietà tipiche Lucane.
Visita guidata alla "grotta dei cento santi" e degustazione della produzione Dragone e di alcuni prodotti della panificazione locale, come il Pane D.O.P. di Matera e le focaccie tipiche locali.. Ritorno in città, cena libera e pernottamento.

Secondo giorno: MATERA / RIONERO / BARILE

Colazione in hotel, check-out e spostamento nella zona del Vulture, a Rionero in Vulture, (km 112) cuore della produzione vinicola della zona caratterizzata dall'antico vulcano. Il suo centro storico conserva  ancora i settecenteschi palazzi Granata e Fortunato, nonchè la Chiesa  Madre, con la facciata in stile barocco, costruita nel 1763. Alla periferia della cittadina, si trova poi la chiesa di Sant’Antonio Abate, di probabile origine benedettina. Visita guidata alle antiche Cantine del Notaio, esempio di sapiente valorizzazione del vitigno Aglianico da parte di Gerardo Giuratrabocchetti. Il recupero di antiche cantine scavate nel tufo vulcanico e la scelta di vigneti tutti di età superiore ai trent’anni, sono state scelte vincenti per un incontro tra tecnologia e tradizione. Sosta pranzo con degustazione dei noti "La Firma", "il Rogito" ed altri, nonchè il nuovo spumante Metodo Classico "La Stipula". Nel pomeriggio visita all'azienda Terra dei Re che dispone di undici ettari di vigneto ubicati in agro di Barile nelle contrade “Piano di Carro” e “Macarico”. L'azienda insiste su di un’area di 4 ettari ed ha una superficie di circa 3000 mq. La cantina è completamente interrata ad una profondità di circa 25 mt. con annesse grotte scavate nella roccia vulcanica in cui viene affinato il prezioso prodotto. Spostamento a Barile grazioso paese di origine albanese, con un centro storico nel quale si possono ritrovare i suggestivi ambienti di una antica civiltà contadina. Di interesse storico ed artistico sono i palazzi gentilizi e  la monumentale Fontana dello Steccato del 1713. A nord dell’abitato, le cantine dello “Scescio”,  una serie di grotte scavate nella roccia e utilizzate per conservare il pregiato vino Aglianico, rappresentano una delle peculiarità del luogo. In questo singolare scenario, nel 1964, il regista Pier Paolo Pasolini ambientò alcune scene del film  Il Vangelo secondo Matteo. Check-in presso hotel a Barile, cena e pernottamento.

Terzo giorno: MELFI / LAVELLO / VENOSA

Colazione in hotel e spostamento a Melfi città medioevale dominata dai Longobardi e poi dai Bizantini. Nominata contea normanna in Italia, nel 1041 acquistò prestigio e venne dotata del noto castello, successivamente ampliato dagli Svevi e dagli Angioini, sede di numerosi concili e della promulgazione, da parte di Federico II, delle “Costitutiones Augustales”, un innovativo complesso di norme giuridiche. Oggi ospita il Museo Nazionale del Melfese. Visita guidata al Duomo dedicato all’Assunta edificato in epoca normanna con torre campanaria del 1153 e interno in stile barocco, ricostruito nel XVIII secolo,  è a tre navate e custodisce un crocifisso ligneo  del XV sec., numerosi dipinti e una tavola del XII sec. raffigurante la Madonna col Bambino. Spostamento a Lavello cittadina medioevale con il caratteristico borgo “Il Pescarello”. Sosta presso il palazzo normanno dell’XI secolo che ospita il Municipio, la Chiesa di San Mauro, la Chiesa di san Giovanni e la Chiesa dell’Annunziata. Visita e degustazione all'azienda agricola Bisceglia, nuova realtà vitivinicola del Sud Italia. Fondata nel 2001 dal proprietario Mario Bisceglia, che dopo una lunga esperienza internazionale nel Food Industry, ha deciso di ritornare ad investire nella sua terra d’origine. Al centro dell’Azienda si trova l’innovativa cantina, progettata dagli architetti Hikaru Mori e Domenico Santomauro, struttura moderna e distintiva, dove attività, spazi e pubblico convivono in un corpus unico con la cultura del vino e del mediterraneo. La cantina ospita la mostra fotografica “Territorio” del fotografo romano Alfonso Maria Mongiu. Una raccolta di immagini di vita che legano la viticoltura con il territorio, la sua gente, la storia e i suoi suggestivi paesaggi. Spostamento a Venosa e sosta pranzo. Nel pomeriggio visita alla cittadina già attiva nel Paleolitico Inferiore. Nel 65 a.C. vi nacque il sommo Quinto Orazio Flacco, poeta latino che invita ancora oggi a brindare con il suo “Nunc est bibendum” e che nelle sue liriche piene di sentimento, non dimenticò di citare le bellezze naturali della sua terra. Occupata dai Longobardi e dai Bizantini e, successivamente, oggetto di ripetute incursioni Saracene. Vi sono, inoltre, le testimonianze della presenza di una attiva comunità ebraica. Di notevole importanza storico – architettonica è il Castello Del Balzo, realizzato tra il 1460 ed il 1470, nel cui interno è allestito il Museo Archeologico Nazionale. Di straordinaria bellezza è l’abbazia della SS. Trinità capolavoro dell’architettura benedettina.
Costruita a partire dal 1046 su una preesistente chiesa altomedioevale, fu consacrata da Papa Niccolò II nel 1059. Del complesso abbaziale ne rappresenta parte integrante la cosiddetta “Chiesa Nuova” rimasta incompiuta e che rappresenta un vero museo a cielo aperto poiché costruita riutilizzando frammenti murari romani ed ebraici con numerose iscrizioni. Degna di nota è anche la cattedrale costruita tra il 1470 ed il 1522, anno della sua consacrazione.
Visita all'azienda Regio Cantina che si pone l'obiettivo di ottenere dalla antica cultura e tradizione vitivinicola, che i greci e i romani diffusero in Basilicata, un vino dalle caratteristiche inconfondibili come l’Aglianico del Vulture DOC, uno dei vini rossi più prestigiosi del panorama enologico italiano.
Ritorno a Barile, cena in hotel e pernottamento.

Quarto giorno: LAGHI DI MONTICCHIO / PARTENZA

Colazione in hotel, check-out e partenza per visita guidata ai laghi di Monticchio con la nota l’Abbazia di S.Michele  fondata dai frati Benedettini  prima dell’XI secolo. Sosta pranzo e partenza per ritorno a casa.


Prenota la tua visita guidata

Informazioni richiedente




Informazioni richiesta
Calendar Help



Informativa privacy

AUTORIZZAZIONE AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI:
Prendo atto delle norme a tutela della privacy e acconsento al trattamento dei miei dati da parte di Agenzia Viaggi Lionetti - Via xx settembre, 9 - 75100 Matera. Premendo "Invia richiesta" si permette il trattamento dei dati ai sensi della legge 196/2003 sulla tutela della privacy.