Alberobello

La città di Alberobello è riconosciuta come Patrimonio Mondiale dell’Umanità per la peculiarità architettonica del suo agglomerato urbano. Essa è formata infatti da tipiche abitazioni circolari, chiamate “Trulli”, con il tetto a forma di cono, costruito a secco in scaglie di pietra calcarea chiamate “chiancole” di cui il suolo è ricco.
L’origine di questa peculiare struttura abitativa è da ricercare addietro nel tempo, quando, nella seconda metà del ‘500 i Conti di Conversano autorizzarono i contadini, che lavoravano le terre in loco, a costruirsi delle abitazioni con muri a secco senza utilizzare malta. 
In questo modo, in caso di ispezione regia, i trulli potevano essere facilmente rimossi, e non si doveva così pagare il tributo dovuto in caso di costruzione permanente di un villaggio.
Questa condizione è rimasta in auge fino alla fine del ‘700, così l’abitato ha assunto la forma odierna, e si struttura in due rioni, “Aia Piccola” e “Monti”, che è possibile visitare, ammirando degli esempi singolari di costruzioni di trulli, come i “trulli siamesi”, la “chiesa a trullo” e il “trullo sovrano” con una struttura addirittura di due piani. È presente anche un “museo del territorio” che offre ottimi servizi culturali.

Prenota con noi la tua visita guidata ad Alberobello.