Venosa

Venosa, città antichissima, ricca di eccezionali segni della stratificazione della storia è adagiata su un pianoro ai piedi del Monte Vulture.
Città sannitica, fu conquistata dai Romani nel 291 a.C., divenendo una delle più importanti e ricche città del mondo antico, anche perché attraversata dalla Via Appia, forse la più importante arteria di comunicazione dell’antichità, collegamento tra Occidente e Oriente.
Roma vi trasferisce poco dopo la conquista ben 20.000 coloni, conferendole più tardi il titolo di municipium, ossia città romana. Interessanti i resti dell’Anfiteatro romano, di epoca imperiale, i ruderi di terme romane con bei mosaici, i resti di un battistero paleocristiano e la tomba di Marcello, console romano detto la “Spada di Roma”. Città natale del più grande poeta della latinità, Quinto Orazio Flacco (65 a.C.) e successivamente possesso demaniale, appannaggio esclusivo di Federico II di Svevia.
L’impianto urbano del centro storico di Venosa rappresenta uno degli esempi più interessanti della Basilicata, caratterizzato dalla continuità insediativa dell’area della città antica. Ancora perfettamente leggibili alcuni dei quartieri medievali della città caratterizzati da costruzioni in pietra locale con arcate a tutto sesto.
Uno dei monumenti più interessanti dell’Italia Meridionale è l’Abbazia della SS. Trinità, con annesso un monastero con cupola bizantineggiante, finestre bifore e trifore. L’interno dell’antica chiesa, impreziosito da affreschi di varie epoche, conserva l’incompiuta chiesa sveva con colonne corinzie e una ricca esposizione di reperti archeologici.
Degni di attenzione, inoltre, i numerosi palazzi signorili, risalenti ad un periodo compreso tra il ‘600 e l’800, le chiese del ‘500 (ben 35), le catacombe ebraiche e paleocristiane del III–IV secolo d.C. e il poderoso Castello aragonese del 1470, costruito da Pirro del Balzo, su modello del Maschio angioino di Napoli. L’antico camminamento difensivo, una galleria seminterrata, tra le Torri Est e Sud, è oggi in parte occupato dal Museo Archeologico Nazionale.

Prenota con noi la tua visita guidata a Venosa.