Torre Metellana

Flash is required!
Descrizione

Percorrendo via Fiorentini, in alto a destra, è visibile la “Torre Metellana”: faceva parte della cinta muraria difensiva che proteggeva la “Civita”, la parte della città che  si trova sul pianoro e, vista la sua posizione e le sue caratteristiche,  da sempre il bastione difensivo e il cuore politico e religioso della città. È infatti una sorta di fortezza e di acropoli, affacciato sul burrone della Gravina e in tale posizione bastava una cinta di mura per renderla praticamente inespugnabile. Una  antica cronaca di Eustachio Verricelli, ci informa che le torri lungo le mura dovevano essere sei, e fatte edificare nell’11 sec., a proprie spese, da un certo Metello, valoroso capitano, che riportò vittorie sui Saraceni e prese stabile dimora nella città.
Da qui il nome Torre Metellana. L’altra torre superstite di questa antica fortificazione è la torre Capone, visibile però dal Sasso Caveoso, mentre la “Porta di Suso” , l’arco dal quale si accede alla Cattedrale, è  l’unico altro elemento visibile di questo antico sistema difensivo.
La leggenda invece, attribuisce la costruzione della torre addirittura al Console romano Quinto Cecilio Metello Numicidio, che sarebbe a Matera morto lasciando il suo nome alla città: Methola.

Torna Sopra